“Pillole di corsa”: la parola al preparatore

 

Continua la serie di video “Pillole di Corsa” in cui gli esperti di Athleia Sportlab ci raccontano come avvicinarsi nella maniera migliore ad una gara di running.

Un medico, un preparatore atletico e un nutrizionista affrontano i differenti temi che riguardano la performance sportiva.

Ecco i consigli del nostro preparatore Giuliano Conconi su come avvicinarsi al mondo della corsa e altro ancora.

sddefault

Virgin London Marathon

Voglio iniziare questo breve pensiero con l’emozione vissuta nella commemorazione delle vittime di Boston.

Tre strade.

Tre fiumi di persone, pronte a riunirsi 3 miglia dopo in un’ unica ondata. 34.278 per la precisione.

700.000 spettatori.

Il silenzio.

Sentirsi una cosa sola.

Brividi.

E poi il fischio, la partenza.

E la città si trasforma, si spezza in due: chi corre e chi guarda correre.

Due ali di folla incitante per tutte le 26.2 miglia del percorso da Blackheath a The Mall.

Una festa. Londra è perfetta per le feste.

Si respira un’aria di rispetto, di educazione. Il mondo è qui.

mela

25migDa ogni angolo. Una babilonia di lingue, di colori e di musica.

Al traguardo c’è anche Richard Branson che ti stringe la mano.

E poi il parco, un’enorme distesa di erba verdissima dove i runners possono trovare sollievo nel dopo gara, crogiolandosi sotto un sole che ha deciso di baciare tutta Londra quel giorno.

La giornata è finita. Sono passate 10 ore ed è sembrato un attimo.

Ciao Londra, sei bellissima.

E l’anno prossimo saremo ancora di più.

Tsegaye Kebede: 2013 London Marathon champion in 2:06:04

Tsegaye_Kebede

Athleia alla Maratona di Parigi

parigi1“Una maratona magnifica organizzata in maniera impeccabile”.

Parigi è fantastica e l’emozione di percorrere le sue vie con 50.000 persone al tuo fianco la rende ancora più bella.

Unire la passione per la corsa, il raggiungimento del tuo obiettivo con il piacere di una vacanza è una sensazione appagante.

Andrea si è preparata con lo staff di Athleia con un programma elite della durata di 6 mesi.

Il suo obiettivo era terminare la Maratona. Andrea l’ha terminata in 4.03’45”.

“Potevo chiuderla anche meglio, ma in alcuni punti c’era così tanta gente che ero costretta ad una andatura lenta…” ci ha confessato in una mail dopo gara.

E poi conclude con la frase che ci ha fatto capire che avevamo anche noi raggiunto il nostro scopo e che riassume nel migliore dei modi la nostra filosofia: “Dopo la Maratona mi sentivo cosi bene che sono andata direttamente a Montmartre a bere un bicchiere di ‘le vin chaud’!”.

Abbiamo vissuto con te questi mesi, il tuo obiettivo era diventato il nostro.

Con Athleia Sport Events puoi vivere l’emozione di un evento sportivo e la gioia di una vacanza.. facciamo tutto noi.

Tu devi “solo” correre!

Grazie Andrea.

Lo Staff.

Il dramma della Maratona di Boston

263242-boston-marathon-2012Cari amici runners, la notizia della tragedia della Maratona di Boston ha sconvolto tutti gli amanti della corsa ed il mondo intero.

Crediamo però che la riflessione più saggia tra tutte le notizie rimbalzate nella rete in questi giorni sia quella apparsa sul blog di Linus.

Nonostante tutto, bisogna andare avanti.

Lo staff di Athleia.